Per togliere l'onta di ignoti natali

Non finisce mai di sorprendere la ricerca di documenti.

Così, si rimane dolcemente sorpresi quando, pur svolgendo una ricerca tra le carte dell’”Ufficio del Registro”, ci si imbatte in un atto che differisce dagli altri per contenuto: non si tratta di vendite, né di affitti, né di concessioni di beni. Si legge che due genitori che avevano di trascurato di farlo all’atto della celebrazione del matrimonio (anno 1884), si rivolgono ad un notaio per legittimare il figlio avuto prima del matrimonio “per togliere l’onta di oscuri natali”. Un’asserzione che fa riflettere, fa pensare ad un contesto storico culturale ed economico totalmente diverso da quello nel quale viviamo oggi, nel quale tale affermazione non ha modo di esserci, in quanto nel momento di una nascita si assapora la bellezza del momento e se ne vive pienamente la gioia.

Il fondo Stato civile conservato dall’Archivio di Stato di Vibo Valentia comprende soprattutto i registri dei nati, morti e matrimoni dal 1865 fino al 2000, ma attualmente possono essere consultati i registri fino all’anno 1920.

Sono molto richiesti prevalentemente per studi di tipo genealogico ma forniscono interessanti notizie anche di carattere demografico, statistico, anche urbanistico ecc.

Molte richieste di atti pervengono giornalmente anche dall’estero (principalmente dai Paesi del Sud America) finalizzate alla richiesta della cittadinanza italiana o semplicemente alla ricerca delle origini della propria famiglia.

1 ignoti natali

Si propone, di seguito, all'attenzione un elaborato sulla storia dell'istituto "Stato civile"realizzato dal dott. Francesco Saverio Rombolà, tirocinante di Area III ex convenzione con regione Calabria

Stato civile